Don Pino, Falcone e Borsellino: L’Amore per la verità e la libertà. La lotta contro la schiavitù della mafia

Ieri, 25 Maggio 2013, è stato Beatificato Don Pino Puglisi, morto ammazzato il 15 Settembre 1993 a Palermo da Cosa Nostra; il 23 Maggio del 1992 era avvenuta la strage di Capaci in cui erano morti Falcone, sua moglie e gli uomini della scorta. Due mesi dopo, il 19 Luglio 1992, nella strage di via D’Amelio era morto Borsellino assieme ad alcuni uomini della sua scorta.
Cosa accomuna questi uomini? Tutti e tre credevano fortemente nello Stato e nella legalità; si sono adoperati nella loro vita, nei loro ambiti di competenza, a combattere uno dei cancri di questo Paese, la mafia, che in Sicilia prende il nome di Cosa Nostra. Falcone e Borsellino, nel loro ruolo di magistrati, combattevano usando le armi della legge e della forza; Don Pino utilizzò un’altra arma, molto potente e mortale per la criminalità organizzata: la cultura! Solo lei può contrastare l’ignoranza e portare via i bambini dalla strada e dalla criminalità: chi sa leggere, si informa e sa essere critico, difficilmente può essere piegato dalla volontà altrui, perché c’è un pensiero da distruggere prima di poter manipolare una persona. Le organizzazioni mafiose conoscono bene questa realtà e ci tengono ad avere povera gente da tener ignorante, da tenere al giogo, come bassa manovalanza per arricchirsi. Giusto oggi Papa Francesco ha pronunciato un duro attacco alle organizzazioni mafiose che riducono in schiavitù migliaia di persone, invitandole a convertirsi. Ma la schiavitù non è solo nel racket della prostituzione: anche i piccoli spacciatori assoldati dalla mafia, sebbene sembrino liberi, sono schiavi, schiavi dell’ignoranza, perché non hanno la conoscenza, non hanno gli strumenti per compiere altre scelte. Si può definire libero chi non può scegliere autonomamente perché gli sono sempre stati negati gli strumenti per potersi costruire un proprio pensiero critico? Proprio contro questa schiavitù subdola, nascosta, strisciante, dove le catene sono invisibili e proprio per questo più difficili da rompere, Don Pino Puglisi si è battuto con fermezza ed infinito Amore, per i ragazzi, che sono il futuro della società e del mondo, ma anche per la sua terra. Lo stesso Amore di Borsellino e Falcone, ma anche del Generale Dalla Chiesa e di tutti gli altri morti ammazzati dalle mafie. Mafie al plurale, perché non c’è solo la mafia che ammazza e che uccide con le armi, con lo spaccio di droga o con lo sfruttamento della prostituzione; c’è anche una mafia “pulita” che si sporca le mani solo con i soldi, per riciclarli, o con il potere politico, tentando di corrompere servitori dello stato e talvolta ci riesce. Questi uomini dello stato corrotti e comprati dal potere mafioso sono i veri responsabili di tutte queste morti. Certo i nomi e cognomi dopo 20 anni non li conosciamo ancora e forse non li sapremo mai, ma la colpa è di tutti quelli che sanno e tacciono per paura, di quelli che tacciono perché hanno ricevuto soldi, di quelli che hanno preferito chiudere gli occhi piuttosto che cercare la verità. Perché la verità fa male, fa paura e a volte è più facile guardare di lato accettando una menzogna come vera, che guardare dritti avanti sé ed accettare la verità.
Ma se vogliamo cambiare davvero la nostra Italia, renderla migliore, dobbiamo prendere esempio da loro, amare la cultura, la ricerca continua della verità e dell’onestà. Ci vuole coraggio, ma un bambino di 9 anni che spaccia droga, e rischia di essere ammazzato da un suo coetaneo di una banda rivale, non merita un futuro normale e al sicuro? Non merita il nostro coraggio?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...