D’Alia: «Ecco le soluzioni per precari ed esuberi Pa»

Il ministro della semplificazione e della pubblica amministrazione D’Alia (Sc) in un intervista rilasciata al messaggero, afferma che dopo le misure di sostegno al lavoro privato ora bisogna pensare al lavoro pubblico e seppur muovendosi sugli stretti binari dovuti alla scarsità di risorse, nonostante il blocco delle retribuzioni persisterà per tutto il 2014 ci sono delle soluzioni per risolvere in modo positivo la situazione lavorativa delle migliaia di precari e degli esuberi della pubblica amministrazione.

Il blocco delle retribuzioni è stato esteso al 2014. Ancora sacrifici per i dipendenti pubblici, quando finirà?

«Non c’è alcuna volontà punitiva da parte del governo e credo sia da rivedere una certa criminalizzazione dei dipendenti pubblici che c’è stata in passato. Bisogna dare atto al pubblico impiego di avere contribuito alla razionalizzazione e al contenimento della spesa pubblica con una contrazione di 300.000 unità e retribuzioni ormai allineate a quelle del settore privato. Tuttavia, il blocco non si poteva evitare perché per riaprire i contratti servono 7 miliardi e non sono nella nostra disponibilità. La situazione è oggettivamente difficile. Ma alcuni passi avanti li possiamo fare».

Quali?

«Prima dell’estate intendo convocare l’Aran e i sindacati per aprire la contrattazione sulla parte normativa dei contratti. Su questo vi è un ampio sostegno politico nella maggioranza e anzi vi è un invito esplicito a farlo nel parere con cui il parlamento ha dato il consenso al blocco delle retribuzioni»

E le risorse? Che spazi ci sono?

«Penso che si possa sostenere e ampliare la contrattazione di secondo livello. Lì è possibile recuperare risorse, dalle procedure di spending review, per migliorare la produttività partendo dalle amministrazioni centrali e poi allargando le intese a livello locale. Inoltre è fondamentale riavviare un circuito virtuoso di relazioni sindacali che il blocco dei contratti, di fatto, ha finito per interrompere. Un percorso di confronto e di consenso è necessario per attuare le riforme».

L’intervista completa la si trova qui

Un pensiero su “D’Alia: «Ecco le soluzioni per precari ed esuberi Pa»

  1. Nunzio Fabio La Paglia ha detto:

    Il settore pubblico può presentare dei limiti rispetto a quello privato ma le garanzie di protezione, il miglior trattamento pensionistico e la minor pressione che alcuni comparti del privato subiscono, lasciano sempre vedere il settore pubblico abbastanza conveniente. Sarebbe necessario una maggiore flessibilità salariale per adeguarlo al rendimento reale ! Buona giornata, Dr Fabio La Paglia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...