Le Istituzioni dell’Unione Europea: le grandi sconosciute

Bandiera europeaChi sono? Cosa fanno? Da chi sono composte? Perché sono importanti? Con quest’articolo cercheremo di diradare la nebbia di mistero che le avvolge e di renderle più vicine a noi, sono Istituzioni giovani, che devono ancora crescere e maturare, ma per farlo hanno bisogno di essere conosciute, di essere capite e apprezzate o criticate, ma per poter criticare o elogiare bisogna prima capire a chi muovere queste critiche, chi è che siede in Europa? Cosa fanno? Chi ci rappresenta e in quali veci? Quali poteri esercita? Perché influenzano la nostra vita?
Con le breve descrizioni poste qui sotto inizieremo a dare una risposta, seppur limitata e parziale a tutte queste domande, in modo da poter aver le idee chiare su chi e cosa stiamo parlando.
I principali organi politici che compongono l’Unione Europea (UE) sono 4:
1. Parlamento Europeo
2. Commissione Europea
3. Consiglio dell’Unione Europea
4. Consiglio Europeo
Vediamo ora in breve di cosa si occupano:
Parlamento Europeo
Il Parlamento europeo è l’assemblea parlamentare dell’Unione europea. Essa svolge una funzione di controllo ed è l’unica istituzione europea a essere eletta direttamente dai suoi cittadini. Insieme al Consiglio dell’Unione europea, costituisce una delle due camere che esercitano il potere legislativo nell’Unione. Tuttavia, i loro poteri non sono identici (cosiddetto bicameralismo imperfetto), e devono convivere coi poteri che il trattato riserva agli stati membri. Il Parlamento europeo dispone di tre sedi: Bruxelles, Strasburgo e Lussemburgo. Le sessioni plenarie si svolgono sia a Bruxelles sia a Strasburgo, mentre le riunioni delle commissioni si svolgono sempre a Bruxelles. Lussemburgo è la sede del Segretariato generale del Parlamento.
Ogni cinque anni a partire dal 1979, si tengono le elezioni contemporaneamente in tutti gli stati membri per eleggere gli eurodeputati, attualmente 754 che rappresentano circa 500 milioni di abitanti. I nuovi stati membri che entrano a far parte dell’Unione europea nel corso della legislatura, eleggono i loro deputati, il cui mandato termina alla fine della stessa, o tramite nomina parlamentare oppure tramite apposite elezioni popolari.
Commissione Europea
La Commissione europea è una delle principali istituzioni dell’Unione europea, suo organo esecutivo e promotrice del processo legislativo. È composta da un delegato per stato membro: a ciascun delegato è tuttavia richiesta la massima indipendenza dal governo nazionale che lo ha indicato.
La Commissione rappresenta e tutela gli interessi dell’Unione europea nella sua interezza; avendo il monopolio del potere di iniziativa legislativa, propone l’adozione degli atti normativi comunitari, la cui approvazione ultima spetta al Parlamento europeo e al Consiglio dell’Unione Europea; è responsabile inoltre dell’attuazione delle decisioni politiche da parte degli organi legislativi[2], gestisce i programmi UE e la spesa dei suoi fondi.
Consiglio dell’ Unione Europea
Il Consiglio dell’Unione europea, noto anche come Consiglio dei Ministri Europei, detiene – insieme col Parlamento europeo – il potere legislativo nell’ambito dell’Unione europea. Ha sede a Bruxelles nel Palazzo Justus Lipsius.
Va tenuto distinto, dal Consiglio europeo, che è un diverso organo (benché strettamente collegato) dell’Unione europea.
Il Consiglio è composto, ai sensi dell’art. 16 del Trattato sull’Unione europea da un rappresentante di ciascuno Stato membro a livello ministeriale che possa impegnare il governo dello Stato membro, scelto in funzione della materia oggetto di trattazione. Tale ampia formulazione consente un maggiore flessibilità, e dunque una maggiore discrezionalità da parte degli Stati, rispetto alla previsione della necessaria partecipazione di un ministro: ordinamenti federali come quello tedesco, infatti, nelle materie di competenza dei singoli ‘Länder, non hanno un unico ministro, ma un ministro per ogni Land, e la previsione della partecipazione di un “ministro” creerebbe difficoltà di individuazione.
Esso si riunisce in varie formazioni: a seconda della questione all’ordine del giorno, infatti, ciascuno Stato membro sarà rappresentato da un rappresentate a livello ministeriale responsabile di quell’argomento (affari esteri, affari sociali, trasporti, agricoltura, ecc.), più il commissario europeo responsabile del tema in esame.
La presidenza del Consiglio è assunta a rotazione da uno Stato membro ogni sei mesi.
Dopo l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona le formazioni sono dieci:
• Affari generali
• Affari esteri (presieduto dall’Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza)
• Affari economici e finanziari (Ecofin)
• Agricoltura e pesca
• Giustizia e affari interni
• Occupazione, politica sociale, salute e consumatori
• Competitività
• Trasporti, telecomunicazioni ed energia
• Ambiente
• Istruzione, gioventù e cultura
Il Consiglio esercita, congiuntamente al Parlamento Europeo, la funzione legislativa e la funzione di bilancio; coordina le politiche economiche generali degli Stati membri; definisce e implementa la politica estera e di sicurezza comune; conclude, a nome dell’Unione, accordi internazionali tra l’Unione e uno o più Stati o organizzazioni internazionali; coordina le azioni degli Stati membri e adotta misure nel settore della cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale.

Consiglio Europeo
Il Consiglio europeo è un organo che si riunisce periodicamente per esaminare le principali problematiche del processo di integrazione europea. Con il Trattato di Lisbona, entrato in vigore il 1º dicembre 2009, è una delle istituzioni dell’Unione europea e ha un presidente, eletto per due anni e mezzo.
Il Consiglio europeo è composto dai capi di Stato o di governo dei paesi membri dell’Unione europea nonché dal presidente della Commissione europea e dal Presidente del Consiglio europeo, che presiede le sessioni. La scelta tra capo di stato e di governo, quale rappresentante dello stato membro nelle sedute del Consiglio europeo, è definita dall’ordinamento del singolo stato in relazione alle peculiarità del sistema istituzionale: per tale motivo, in rappresentanza dell’Italia prende parte alle riunioni il presidente del Consiglio dei ministri, capo di governo, mentre in rappresentanza della Francia il presidente della Repubblica, capo di stato.
Qui sotto troverete i siti ufficiali di riferimento dei quattro organi, per chi fosse interessato all’argomento e volesse approfondirlo:
Consiglio Europeo: http://www.european-council.europa.eu/home-page.aspx?lang=it
Parlamento Europeo: http://www.europarl.europa.eu/aboutparliament/it/00b3f21266/At-your-service.html;jsessionid=35D523F6710E489DA7C29FF4B3652EE8.node2
Commissione Europea: http://ec.europa.eu/index_it.htm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...